11/20/09

Norway and new press!



Hey peeps!!!
Here we back from our norvegian vacancy! The gig at Gloria Flames was simply amazing, shared with other two kickin ass band such Laconic Zero and Le Corbeau !! So we simply thank all the folks made this possible! Takk!!! And of course special thanks to our mates in crimes in Oslo, Kenneth, Trond, Marica, Thor, Tom, Roy, Sigve! Btw, here is an italian interview and below some new reviews! Yo!

When I opened the package I thought someone had sent a pukka Japanese import. There was the ubiquitous useless strip of card, you know the thing, that sits over the spine of the jewel case but falls away once the cellophane is removed. There was also one of those mini-inlay cards inside the main artwork, with Japanese lyrics. Plus the name, of course, Japanese Gum. I’d never heard of it. I’ll bet you’ve never heard of it?
You should hear it. Oh man, you should definitely hear it.
Actually JG hail from Genoa, Italy. All the ‘Japanese’ stuff must be a little private gag. Ha bloody ha. I’ve already forgiven/forgotten about it though because…. Genoa. GENOA. That’s where port-royal come from. port-royal, the leading exponents of indietronica and YES this ‘Hey Folks….’ is a similar melting pot of glitch electronics and delayed guitars.
How is it? Awesome. JapGum front-load their album with their best numbers. Always a good tactic. But then they back it up with repeatedly high standards throughout. Tracks 1 to 3 go ‘good’, ‘great, ‘God-like genius’. (‘%’) Then instrumental ‘Sunless summer’ just hangs gorgeously in the air. No let up. Hey Folks… stays impossibly good for 8 of its 11 official tracks. ‘Cluster of bees’ is another highlight almost hitting the same stratospheric heights as ‘%’, swiftly followed by the female guest-vocaled ‘mistake/ghost’ which is particularly effective because the lyrics are more discernible:
“there was vacancy in her gaze
a feeling of absence
while we were there
growing so fast
dazzling and greeting us
with cheering smile
she said
How are you going to explain away that mistake”
If there is one mistake on the album it might possibly be ‘Converge’, the one and only miss-step in evidence. Guitars twinkle like something by Cocteau Twins and Harold Budd (Lovely Thunder, The Moon and the Melodies) but the pained vocal starts to reach agonising proportions. I suspect they were trying to juxtapose ‘abrasive’ with ‘beautiful’ since such clashes often work but this doesn’t quite pay off. In fact vocals here in general might not be for the purist. Most are heavily processed gasps or whispers. They sit at the back of the mix but not buried.
I think Japanese Gum have an obtuse sense of humour. For instance they named their tenth track ‘09’. The album title is also wilfully ridiculous. To be honest when music is as good as this, the artist can do whatever the f$#% they want and ‘09’ is a searing return to form after the ‘fingernails down the blackboard’ ordeal of ‘Converge’. ‘09’ is like Bitcrush or early m83.and if your music is being mentioned alongside those two, you must be doing something right. There’s a hidden bit within the final track and there are three bonus tracks. These add nothing but only by virtue of the fact that there literally is nothing more to add to this album. The bonuses would have made a fine EP. Japanese Gum are spoiling us. Next vacation, Italy. (Sic Magazine)

Band interessante, i Japanese Gum. Un duo (ex trio) proveniente da Genova, che canta in inglese. Sono Paolo Tortora e Davide Cedolin, attivi discograficamente dal 2007 e con quattro album in curriculum (tre autoprodotti), l'ultimo dei quali, oggetto della presente recensione, sancisce il debutto ufficiale per la label giapponese Friend Of Mine Records.
Undici tracce, in cui la band non perde di vista l'elettronica che aveva caratterizzato gli EP precedenti mescolandola a un uso di chitarre e synth che rendono l'ascolto dell'album piacevole praticamente a chiunque. Un'indietronica eterea, avvolgente e sognante, risultato di un lavoro lungo e impegnativo in fase di scrittura e preproduzione, che pone una volta di più l'accento sulla bontà del prodotto finale.
Chi volesse gustare qualche esempio può fare riferimento al profilo Myspace del duo, dove è possibile ascoltare diverse canzoni tratte dall'album, fra cui la bellissima e avvolgente "Chlorine Blu" che risalta fra tutte assieme alle coinvolgenti "Make Ghost" e "09". Da queste parti la musica elettronica non è molto apprezzata, ma quando musica elettronica significa belle canzoni, a volte rilassanti, altre veloci, con melodie armonizzate fra loro che ti fanno venire voglia di riascoltare tutto da capo, beh allora viene facile per chiunque adorare anche questo genere. (Loudvision)

I Japanese Gum sono due “alieni” genovesi (Paolo Tortora e Davide Cedolin) che, dopo un Ep pubblicato per la Marsiglia Record, Talking Silently, esordiscono ufficialmente con l'album Hey Folks! Nevermind, We Are All Falling Down prodotto dall'etichetta giapponese Friend Of Mine. Questo disco è un pianeta mosso da gravità elettroniche e venti solari indie-rock. I suoi anelli planetari sono una commistione di particelle melodiche e vocali, polveri cristalline di synt, feedback e drones, che ruotano attorno alla centralità delle emozioni slegate dallo schiavismo del marchio di fabbrica preconfezionato.
Sali minerali s'infrangono nell'elettronica liquida di No Help For the Wicked (The Month Of The Dictators). Il sound fluido continua a scorrere con Big Whale e %. Viene emanato calore acustico da Sunless Summer seguito dal cielo di note di Under a pale cold sky e dai vorticosi giri “antiorari” di Chlorine Blue. Con Cluster Of Bees il suono si satura lievemente oscillando verso ritmi più rock, mentre con Ghost – Mistake tutto si dilata e diventa battito sognante con Converge. In 09 la voce si scontra col suono e il moto spaziale cessa con le deflagrazioni sonore di Raskol'Nikov. Tre bonus-track permettono di scoprire maggiormente le abitudini della piccola comunità di autoctoni Japanese Gum: To Erase pains, Hon.e, First reminder.
Questo Hey Folks! Nevermind, We Are All Falling Down è un corpo celeste naturale e genuino dove perielio e afelio sono così vicini da riscaldare l'orecchio dell'ascoltatore. (Rock action)

Met slechts enkele optredens in thuisland Italië, zal Japanese Gum vast niet het best bewaarde geheim van het land zijn. Het project bestaat uit de vrienden Davide Cedolin en Paolo Tortora. De twee deden het eerst nog samen met Luigi Bozzo, maar bleken toch beter als tweetal door de deur te kunnen. Ze sloten zichzelf op in de studio en Hey Folks! Nevermind, we are all falling down werd geboren. De muziek karakteriseerde zich door vertraagde gitaren, rustige zang, elektronische beats en aardig wat synths. Het is echter niet terecht om ze hierdoor gelijk in een bepaalde hoek te duwen. Ze zijn namelijk nergens in te duwen. En hoewel ze met hun EP nog ambient-achtig waren, is het deze plaat meer shoegazing psychedelisch. Zelf noemen ze het 'a perfect balanced combo of liquid atmosphere, droning guitars, suspended vocals, electronic patterns and real drums.'
Wanneer je de 70 minuten aan muziek hoort, is het begrijpelijk dat je even schrikt. De nummers zijn namelijk voorzien van een flink portie white noise. Alsof je naar de radio aan het luisteren bent, maar het net niet goed hebt afgesteld. Hoewel dit in het begin erg vervelend luisteren is, past het erg goed bij de muziek. Hierdoor zijn de veertien nummers nog dromeriger geworden.
De debuutplaat is zeker een opvallende. Het klinkt erg vernieuwend en bijna buitenaards, maar is hier wel publiek voor? De mensen die naar een heerlijke plaat willen luisteren voorzien van een behoorlijk pak ruis, zijn waarschijnlijk om een hand te tellen. (Roar Ezine)

Olen siin nädala jagu sõbra bändile Tolmunud Mesipuu väikestviisi promo üritanud teha, visanud nende albumi "Puusse panen" tasuta allalaadimise kohale viitavat linki kodumaiste foorumite lehtedele, jaganud sõpradele otsepostitustega, reklaaminud neti nn. sõbrasaitidel nagu Orku ja Facebook ning saatnud autoriteetsematele stoner/doom´i blogidele kirju. Tänu sellele ei tohi aga ma ka ignoreerida analoogseid enesele saabuvaid e-mail´e kus viisakalt palutakse muusikale pilk peale visata ja kui meeldib, siis ka paar rida blogi jaoks kribada. Itaalia ansambli Japanese Gum downloadlink ja palvekiri potsatas mu postkasti nädal tagasi. Esimene emotsioon peale paari loo kuulamist oli, et kui mu enese tehtud muusika sedalaadi kõlaks, ei oleks minul küll mitte midagi häbeneda, pakuksin meelsasti kõigile kuulata ja ei muretseks vastukaja pärast. Ega tegu ole millegi erilisega aga seda elektro-kitarr mussi oskab duo nii tagasihoidlikult ja armsalt pakkuda, et igati mõnus kuulata. Mitte liiga puhas, veitsa krobeline ja kombitav, kohati rokkivam ja siis jälle tasastesse ambient voogudesse vajuv. Meenutas vahest kõige enam hetkel suurt populaarsust nautivat The Big Pink´i aga kuna ma ei ole just sedalaadi ( Kohvirecords?) muusika fän, siis oskan soovituseks vaid paralleeli vedada, samuti duoga ju tegemist. (Trash Can Dance)

10/29/09

more reviews and interview!


Yo fellah,
here you can give a look about our opinions about our last album. And below, new reviews!!
Stay warm,
jG


En reise på tvers av sjangre. Dette er neimen ikke indierock, men elektronika. Eller? Kjært barn har som kjent opptil flere navn, og dette italienske, islandsk-lydende bandet med det Japan-refererende navnet (blir det world music av slik tverrnasjonal omfavnelse?) faller da også under flere stoler. Synthdominerende elektroinstrumentaler, programmerte rytmer, flerstemte vokalpartier, vegger av gitar; lydbildet er mangfoldig. Tilsynelatende er også «Hey Folks! Nevermind, we are falling down» i lengste laget, helt til det viser seg at de siste tre sporene er «Japanese only bonus tracks». Og vi bor i Norge.
Første sporet, «No Help for the wicked (the month of the dictators)», starter som musikken som akkompagnerer den endelige befrielsen av prinsessen i tv-spill-klassikeren Super Mario 3, før den kulminerer i en postrockeksplosjon en diktator verdig. Det er heller ikke det eneste bidraget som lukter av sjangeren; i symbiose med beats som veksler fra det drønnende hip-hop-aktige, til det knitrende elektroniske, har mange av sangene det svevende, drømmende og nøysomt oppbyggelige preget som kjennetegner mange av postrockens voktere. «Under a pale cold sky» er for eksempel en Múm-kamuflert Mogwai-låt, «Cluster of Bees», et crescendo på fire minutter, hvis bølge bruker to og et halvt minutt på å bryte og den frådende sjøen sluker resten. «Mistake/Ghost» høres ut som en blyg Björk, og er fundamentert på en grunnmur av solide beats. Platens sang nummer ti – «09» – innledes av skrivemaskintasting før vokalharmoniene overtar. Disse flyter oppå trekkspillet, som vedvarer fra den rolige begynnelsen, til den høyenergiske slutten der trommene lyder som kontinuerlige maskingeværsalver. Japanese Gum er et interessant bekjentskap, som har sin berettigede eksistens i skjæringspunktet mellom musikalske diametrale motsetninger: Lavmælt indiepop versus støyende postrock og shoegaze, Sigur Rós-parafraserende overveid melankoli versus nesten dansbare rave-stemninger i retning 120 Days. Sistesporet «Raskol´Nikov» utstråler dessuten ikke noe ønske om å gå ut med et fengende smell. Snarere beveger det seg i et saktegående drum'n'bass-landskap – om noe slikt finnes – mot et stadig mer støyende og skittent klimaks, frem til pipingen og skurringen avslutter platen som et likegyldig «fuck you!», lik en film som etterlater seeren med en håndfull ubesvarte spørsmål. Forøvrig er dette neimen ikke elektronika, men postrock. Eller? (Studvest)


Figli di quel Nord Europa che si distingue per toni cupi e malinconici; reduci dalle crociate indietroniche di inizio millennio e da una lungo vagare tra alcune delle principali netlabels nostrane, i Japanes Gum completano il loro corso con un album sulla lunga distanza licenziato nel Sol Levante e distribuito in tutto il mondo dalla Friend Of Mine records.
Un album paragonabile al compimento della maggior età di questi due ragazzi che dagli esordi su Marsiglia Records hanno saputo far si che il suono indietronico tanto osannato nei sui primi anni di vita, potesse avere un suo seguito ed una vita propria passato il boom dei primi anni.
Stabiliti i limiti entro i quali “agire”, i due non hanno dovuto far altro che prestare maggior attenzione a personalizzare suoni e strutture, ad alternare nel migliore dei modi il cantato maschile con quello femminile, a far intravedere una forma canzone mai troppo al centro della scena, ma sempre presente per indicarne la strada. Il risultato è un album maturo, in perfetto Japanese stile, che si allinea alla perfezione, e non ha davvero nulla da invidiare alle ben più note produzioni nord' europee con cui è doveroso un piccolo paragone. (Musicaoltranza)


Sembra tutto sospeso. Tutto in balìa di un evento che di lì a poco spazzerà via la quiete che si estende tra i solchi di questo album. I Japanese Gum restano in equilibrio per buona parte dell'album, con un elettronica eterea e dilatata; un'alba sono...ra dove i vari elementi affiorano e si dilatano fino a diventare indistinguibili. Il cantato affiora artico e lontano, ed il più delle volte è sussurrato e sovrastato da strati sonori e rumorismi di fondo che ne sporcano la facciata; "Under a pale cold sky" rimanda ai Board of Canada più organici e anche in "Big Whale" sembra di essere sospesi in acque profonde ed insondabili. Mentre "Raskol'Nikov" e "%" si sporcano le mani con i Sigur Ros di "Von". Ma non di sola elettronica è composto l'album, nel magma sintetico si trovano "No Help for the wicked (the month of the dictators)" e "Chlorine Blue" che portano dentro sè un germe shoegaze da poter sviluppare maggiormente in futuro e vicino agli Epic 45 meno strumentali. "Hey Folks!..." esce per l'etichetta giapponese Friend Of Mine che sancisce anche il taglio internazionale del prodotto anche se la band è tutta italiana (Paolo Tortora e Davide Cedolin sono genovesi, parenti musicali dei Port Royal?). Inoltre è possibile scaricare gratuitamente dal sito dei JG i primi ep "Talking.Silently" e "Without You I’m Napping". Insomma un lavoro stratificato che potrebbe farvi perdere il filo conduttore dei vostri pensieri, e quindi da ascoltare senza far altro, possibilmente a luci spente. (Shiver webzine)

10/21/09

First reviews and gigs!


Halla halla,
here we are to post some news.
First of all, we are happy to announce our first norvegian tour, that is almost ready to be confirmed. We should play four or five gigs, at this moment the one is in Oslo with Laconic Zero and Le Corbeau. Soon we'll post you with the other ones! Here all the next gigs:

31 Oct 2009 Reggio Emilia, Spazio Gerra w/Magpie
7 Nov 2009 Bologna, Link w/Tempelhof
17 Nov 2009 Oslo, Gloria Flames w/Laconic Zero/Le Corbeau
7 Dec 2009 Carpi, Mattatoio w/Magpie
9 Dec 2009 Savona, Raindogs w/His Clancyness/Cartavetro
11 Dec 2009 Codroipo, Hazard @Edera w/His Clancyness

And also, first reviews of our recent albums came:

Japanese Gum ‘Hey Folks! Nevermind We Are All Falling Down!’

Esordio sulla lunga distanza per un gruppo che già dopo l’ep di esordio (quel “Talking Silently” datato 2007 ed edito dalla Marsiglia Records, etichetta che già aveva visto nascere e crescere i concittadini Port Royal) aveva fatto parlare di sé. I Japanese Gum si presentano con un’oretta di musica eterea e sognante che si avvicina a quella dei già citati illustri concittadini, ma che guarda anche allo shoegaze e all’indietronica di stampo canadese, con sentori ambient che disperdono le note nell’aria come un profumo di violette tra i verdi prati di metà aprile.
Undici tracce più tre bonus tracks per un disco, come avrete intuito, dal respiro assai internazionale. Si parte con The Month Of Dictators (No Help For The Wicked), tra battiti elettronici lalipuniani e un’atmosfera sospesa un pò shoegazeiana che non disdegna graffianti virate chitarristiche tra i sinuosi arpeggi dei synth. Con Big Whale e % entriamo nei territori liquidi dell’elettronica ambientale più sibillina sempre turbata da increspature chitarristiche. Sunless Summer e Under a Pale Blue Sky si stendono invece su di un tappeto ambientale docile ma intriso di gracidii sintetici. Chlorine Blue è una deriva al ralenti che si gonfia man mano fino a esplodere in un boato di distorsioni. Cluster Of Bees dopo un inizio simile alla precedente assume connotati più spiccatamente rock nella seconda parte, anzi, decisamente post – rock. Mistake/Ghost e Converge sono due cavalcate a metà tra chitarrismo ed elettronica fragili e oniriche che nel loro nutrirsi di battiti sincopati ricordano certi Boards Of Canada, senza dimenticare la lezione dei Giardini di Mirò. 09 torna a strizzare l’occhio al pop elettronico dei Notwist ma rendendolo lentissimo, impercettibilmente avvolgente ma esplosivo nel finale. Raskol’nikov è una lunga suite electro – gaze in cui i synth la fanno da padroni, creando un’intricata ragnatela sonica.
To Erase Pains, la prima delle tracce bonus, sembra quasi un’esplorazione tra le possibilità del suono sintetico. Hon.e, invece, si muove sulla corposità della batteria che sostiene una miriade di linee sintetiche che si intrecciano e si ribaltano l’un l’altra. Chiude il disco First Reminder, tra ronzi glaciali e un’insolita ricerca melodica.
Veramente apprezzabile il lavoro della band genovese, forse solo un po’ troppo lungo e ripetitivo, ma i nostri sembrano pronti ad esplodere come uno dei nuovi fenomeni del sottosuolo musicale italico. Non sarà facile per i nostri, visto la diffidenza che trova in terra nostrana la loro proposta elettronico – ambientale – shoegaze, ma forse la loro dimensione potrebbe essere il mondo intero. Il loro sound necessita ancora di un preciso tocco stilistico, ma stoffa ce n’è. (Kathodic)


La definizione di "nuovi Port-Royal" sembrava già pronta per loro, predestinata già a partire dalla comune origine genovese e dal passaggio per la piccola ma attentissima Marsiglia Records, che ha pubblicato un loro Ep, "Talking, Silenty", al pari di quel "Kraken" che costituisce la prima testimonianza discografica dei più noti concittadini.
Ebbene, è invece il caso di chiarire fin da subito che i Japanese Gum, duo composto da Paolo Tortora e Davide Cedolin, con questo loro primo album rifuggono nei fatti con una certa decisione quell'etichetta preconfezionata che superficialmente si potrebbe loro accostare.
Certo, l'ambito musicale di riferimento non è poi così distante e così la matrice artistica originaria dei Japanese Gum, le cui opere precedenti sono apparse da subito indirizzate verso un'elettronica capace di coniugare una lontana matrice indie-rock con una spiccata sensibilità melodica e con ritmiche pronunciate ma sinuose. Questi gli ingredienti principali degli Ep autoprodotti o liberamente distribuiti in rete con i quali il duo ha cominciato a farsi conoscere al di fuori dei confini del sottobosco elettronico indipendente italiano.
Prova ne è la pubblicazione da parte dell'etichetta giapponese Friend Of Mine di "Hey Folks! Nevermind, We Are All Falling Down", album che oltre a segnare l'esordio ufficiale della band ne testimonia la transizione a stili e riferimenti musicali che travalicano ritmi e paesaggi elettronici per addentrarsi in modalità espressive che spaziano da elaborazioni para-ambientali a riferimenti nemmeno troppo velati ad altre importanti esperienze indipendenti italiane.
Fin dall'iniziale "No Help For the Wicked (The Month Of The Dictators)", l'album si mostra decisamente più "suonato" di quanto ci si potrebbe attendere, poiché accanto al battito elettronico e ad ambientazioni alquanto avvolgenti sono spesso presenti e percepibili chitarre che denotano la volontà di esaltare le componenti trascinanti di composizioni in continua trasformazione, da abrasive incursioni elettriche a predominanti tratti dreamy, che corrono su binari di elettronica liquida, al più increspata da turbini dai lontani echi shoegaze. Il tutto viene però accuratamente miscelato per piegarlo all'idea di musica propugnata dai Japanese Gum, un'idea che attribuisce la centralità alle componenti più immediate ed emozionali, quasi prescindendo dal veicolo strumentale e stilistico di espressione. In coerenza con questa impostazione concettuale, si susseguono così texture elettroniche delicate e dalla consistenza liquida ("Big Whale", "%") e più nervose saturazioni del suono, conseguite attraverso trame elettriche esplicitamente "rock" ("Cluster Of Bees") ma sempre accostate e filtrate da pulsazioni talvolta molto penetranti.
In tutto ciò, il duo genovese non devia mai con decisione verso quell'idm che potrebbe apparire qualche suo inevitabile punto d'approdo, dimostrando invece di non perdere mai di vista quella cura delle melodie che viene fatta sfociare tanto in impetuose folate synth-gaze quanto in canzoni dai toni dilatati e sognanti, che in "Ghost - Mistake" e in "Converge" possono essere assimilate a quelle dei Giardini di Mirò più elettronici.
Con il suo susseguirsi mutante di chitarre e multiformi sfumature elettroniche, "Hey Folks! Nevermind, We Are All Falling Down" è un'opera fresca e spontanea, dalla quale traspare la genuina passione per la musica dei suoi autori e la personalità indispensabile per permetter loro di delineare una propria autonoma fisionomia artistica, ben al di là di ogni possibile aprioristico riferimento. (Ondarock)


Per un progetto con tale moniker farsi produrre nel Sol Levante dev’essere il massimo. Correnti fredde, IDM a batteria naturale, chitarre riverberate, drones: okay, ma c’è da lavorare sulla voce -quando necessaria al flusso- e su un minutaggio drasticamente essenziale all’album e al singolo brano. (Blow Up)


Some months ago we saw Japanese Gum releasing Without You I’m Napping EP, shot but intense, and for sure introductory to their official Hey Folks! Nevermind, We Are All Falling Down.
The two-piece from Genova, Italy, through eleven tracks, look like injecting hectolitres of life blood to the body of a genre that, generally, looks like being short of breath in gaining personality.
I like to believe that Hey Folks! Nevermind, We Are All Falling Down is first of all a pop devise that earns vigour listen after listen.
It's here where the song-form retrieves a deep breath, letting melodies outcrop through glimmers wider and wider, - making literally blowing up the crystalline sheets of synth with chatartic loads of guitar (Chlorine Blue).
Emotional emergency at its purest form, i mean. Nothing superfluous.
Comparisons with their fellow citizens Port-Royal are soon to be forgot, and thanks to this release, Japanese Gum finally find their own (living) space in the italian scene. Shoegazing and glitch aesthetics rarely reach this greatness.
At least, at our home. (Komakino)


Actually, this is the first album sent to me for reviewing. It’s not Japanese , it’s Italian (but it is released by a label from Japan). Anyway, sounds more like a combination of Grizzly Bear and Sigur Ros. It's good. (Slowforward).

9/24/09

"Hey folks! Nevermind, we are all falling down"


Yo peeps,
here we are to announce that finally you can have our album
just writing an email to japanesegumweb@gmail.com.
Lots of things are buzzing and soon lots of newz will be posted.
Our first forthcoming gigs @ Spazio Gerra, Reggio Emilia (31/10/09) and @ Mattatoio, Carpi (06/12/09), both with Magpie.
Hugs stoners!

d.

8/31/09

Lost in weirdness


Yo fellah,
The label Chew-Z has just released the digital version of our "Lost in weirdness"!
Next days we'll also have physical digipack copies,
so please, if you are interested, just drop a line to us or to the label and we'll be happy to send you the stuff!
Here the tracklist and the credits of the album:


1.Intro - Africanized by Die Stadt Der Romantisch Punks
2.After All, A Grey Collapse - Japanese Gum (recorded in spring 08, mixed in winter 08)
3.Sunday, 1:00 pm - Japanese Gum – spoken word by Enrico Bosio (recorded between 06 / 09, mixed in April 09)
4.Could The English Rain (wash it away?) - Remixed by Arbdesastr
5.The Undertaker’s Tombstone - The Undertaker’s Tombstoned – dubbed by Grausamerg Eisenberg
6.Declaration Of A Permanent Absence Of Will - dueling drum machines remix by Isan
7.Could The English Rain (wash it away) ? - Remixed by Eniac
8.Cluster Of Bees (early version) - Japanese Gum (recorded and mixed in March 07)
9.And Talk Silently - alt version by Japanese Gum – vocals by Stark Vision Of The Morning, flute by Greta Liscio
10.Gonna Look In The Backroom - Japanese Gum (recorded and mixed in January 08)


This album is composed by five remixes from our “Talking.Silently e.p.” realized by some of our friends between September 08 and May 09, one alt-version we have made with featurings, and four tracks performed by us, one really brand new, a couple old ideas refreshed into new shapes and one, a demo-early version.
We decided to put in this album all stuff loved by us, with no conceptual bases but the idea of two different extended playing, that we thought could be better and surely comfortable as well played in the same record.

Mastered by Martino Sarolli and Emilio Pozzolini at the Butchery, June 2009.

Big big special thanks to Fabio (Eniac) Battistetti and everyone at Chew-Z who had the patience to wait for us for really such long time!
Then, really thanks to all the beautiful people who put their hands/mids/souls in our tracks and remixed so well: Jukka Reverberi, Simona Barbera, Greta Liscio, Fabio Battistetti again, Antony Ryan and Robin Saville, Enrico Bosio, Paolo Campagnola
.

Soon we'll keep you posted about winter'gigs!

On friday we'll play in Marseille with the norvegian Mindy Misty vs. Europ Europ,
and still with them, next monday in Genoa!
Check our myspace page for more details!

Take it easy,

d.

8/3/09

Tonite!


Hey!
Tonite,here, you'll can listen something about us,
with a special preview from our forthcoming "Lost in weirdness",
that will be released on august, the 28th by Chew-Z.
The electronic-experimental format 7inch will be on air from 9,30 p.m.
and you'll can enjoy it via streaming directly on the web site of Radio Cortina,
and it will be online in the database of the site for a week.

Soon some fresh news will be posted,
so stay [de]tuned,
think droned,


d.

7/19/09

Summer make us stakanovists!


Yo fellah,
it passed quite long time from our last post.
Cos we simply had lots of things to set...
First of all: we have finished our new stuff, "Lost in weirdness" will be released by Chew-Z at the end of this month, including remixes and featurings from some of our friends and few b-sides/early versions/and unreleased tracks by us. "Hey folks! Nevermind we are all falling down", our first full-lenght album, will be finally released, after years of sweat, pain, endless waits and cries by the japanese label Friend of mine in September. We are still looking for Eu distro, so just email us at japanesegumweb@gmail.com if you are interested. This first edition of the album, will be composed by these songs:

01. No help for the wicked (the month of the dictators)
02. Big whale
03. %
04. Sunless summer
05. Under a pale cold sky
06. Chlorine blue
07. Cluster of bees
08. Ghost/Mistake
09. Converge
10. 09
11. Raskol'Nikov
12. To erase pains - japanese bonus track only
13. Hon.e. - japanese bonus track only
14. First reminder - japanese bonus track only

Then, we worked really hard to plan our first U.K. tour, but at the moment we still don't know if it will be confirmed, because we had many problems with promoters, and at this moment only two gigs are confirmed. And if we won't be able to have another couple of gigs (all the interested promoters are welcome, write us an e-mail), we'll have to cancel the tour and prepare it for next winter.

Our song "Hon.e" will be in free download from here, available for 7 Days from now and only for 100 downloads.

Take it easy fellah,

stay [de]tuned,

d.

4/14/09

Chorus and percs und dronanza






Yo bros,
we want to say thanks to all the folks who came to see us live during last weekend,
we really enjoyed the gigs...
we expecially say cheers to our beloved friends Tijuana and Simone who followed us around!
And of course the band we play with, Still Leven and Tempelhof, and these beautiful guys, Luca and Sergio in Parma, Giulia, Luca and Nicola in Mantova and Fausto and the gorgeaus barmen
who are all named Davide in Cunettone: nobody make sours like yours! ;)
And also Maria for let us make over her wines and beers at her place and let us sleep there.

Soon soon soon few pics will be posted after a strict censorship,
cos we are really bashful and ashamed about our vices and our bullshits.

Yo,

d.

4/3/09

New gigs are coming

We back on this blog, and here some new forthcoming gigs. Soon we'll upload brand new new stuff.
Stay springy,

d.


3/9/09

New reviews...

Hi all,
here pasted few new words about jG.
Cheers,

d.



Inkoma

I've been always convinced that in Genoa (northern italy) there's something big, a sort of invisible engine driving the destiny of music inspiration along heterogeneous roads, at the same time very similar. This common denominator has name Passion. - Without you I’m Napping is the genoa two-piece band's second move over the crowded chessboard of european indietronic music, and this time it looks like a checkmate is possible with just a few moves. Precisely, three, as many as the songs included in their new ep, released as free download with Donate option on their website, else as limited numbered edition (150 pieces). The three tunes are like oneiric suites, ethereal, balancing rarefied echoes, ambients, intense drones and shoegazing guitar play. Chlorine Blueis the first track, away from being meant as an intro, it goes straight to the point when the guitars explode putting into a frame a rythmic and vocal enchanting puzzle. Cannibalism Next Door shines strong of its dreamy acid, and Part-Time Assholes is the instumental track that puts an end to this work, somehow going along with aesthetic rules dear to their fellow citizens Port-Royal. Something really brief, yet it's perfect for several listenings, - maybe a prelude for a new and more feeded release to come.


Spider Hill

An Italian duo combining ghostly drum machine breakbeats, swirls of ambience and reverb-drenched Constellation-style guitar lines, Japanese Gum offer nothing much to surprise your average fan of the artier side of rock, but plenty to keep them interested.
‘Chlorine Blue’ is the best track on offer here, starting off as a somnambulant Piano Magic lilt emerging through a synthy brume, then halfway through kicking into a piercingly-high end onslaught, like A Place To Bury Strangers if they were beard-stroking post-rockers rather than goth doomsters.
‘Part-Time Assholes’ too is rather lovely, combining mournful guitars with understated electronic beats, and suggesting something like what Flying Saucer Attack might have sounded like if they’d ended up on Anticon in 2005.
The EP as a whole, though, suffers slightly from the combined effect of its apparently lo-fi origins, some anaemic snare sounds, and the miasmal washes of feedback that cover much of its running time, lending the overall feel that it’s perhaps a work in progress or a demo rather than the finished article. Most evident on ‘Cannibalism Next Door’, it crucially robs the recordings of some of their punch and sense of focus, when they’d kick much harder with a better mix. Part of me wants to hear a souped-up, mega-studio Trent Reznor version of the same songs to see how they hold up with some crystal-clear industrial crunch behind the instruments. Far better than Nine Inch Nails would with a home recording setup and only the songs to rely on, I’ll warrant.


Dagheisha

Difficile riuscire a raggiungere un'idea definitiva che descriva ragionevolmente i genovesi Japanese Gum. Giunti al secondo mini affidano interamente a 'Without You I'm Napping' il compito di infilarsi lentamente nelle orecchie, cancellando ogni impressione di 'do it yourself pop' e indie fin troppo italiano ma soprattutto penetrando l'ascoltatore con disarmonie post elettroniche. Shoegaze disarmante, un'accumulo apparentemente casuale di un po' di tutto, tra suoni saturi e ruvidi ad altri soffusi ed emozionali alla ricerca della scomposizione totale, del ritmo, del suono, del livello melodico. Tutto sul filo della sperimentazione e delle influenze ambient e post rock, all'apparenza esitante ma intelligentemente consapevole. Purtroppo una corsa a breve termine, tre tracce per tentare di intrigare e non farsi dimenticare. E ci riescono.

2/10/09

Brand new interview!

Hey dudes here it is our first interview after quite long time...
Enjoy it,

[de]tuning is not a crime,


d.

2/9/09

First reviews

Yo comrades,
here pasted the first words from the press about "Without You I'm Napping"!
Cheers,
[de]tuned is the motto,

d.


SUB TERRA

Japanese Gum - "Without You I'm Napping" (2008)

Il primo riferimento è ad un certa estetica ed attitudine DIY indie-pop, come dice il loro nome che deriva probabilmente da un pezzo dell'artista californiano Her Space Holiday. Il duo genovese Japanese Gum dimostra però di essere ben più complesso di queste premesse ed il loro EP "Without you I'm napping" (che sembra quasi una derivazione ironica dal celebre disco dei Placebo) è un ottimo biglietto da visita per conoscere l'attività di questa formazione non da molto in circolazione, ma dello stesso humus di Port Royal e sonorità affini per intenderci.
L'Ep si compone di tre pezzi, le cui coordinate si orientano verso l'uso di una elettronica glitch, composizioni che richiamano i Mùm ma declinati secondo tappeti ambient e profondi reverberi propri di certo post-rock, voci sussurate e distanti ed improvvise esplosioni di rumore bianco. "Chlorine Blue" si compone di una prima parte che cresce mantenendosi sempre nebulosa, con una voce lieve e distante come di chi uscendo fuori da sé in sogno e guardandosi da fuori si osserva riposarsi dopo un traguardo, pronto a riprendere una nuova corsa a breve, per poi innalazare un improvviso wall of sound di matrice shoegaze.
"Cannibalism Next Door" sembra quasi Idioteque dei Radiohead nel suo intro, canta parole di astio ma è come se tutto fosse osservato dietro un filtro opaco che sfoca, rallenta e dilata le immagini all'incalzare di una ritmica elettronica decisa che lascia poi spazio ad una melodia sfumata e dagli spazi ampissimi, come un acquarello astratto. "Part-time assholes" è il pezzo, strumentale, la cui melodia sembra più strutturata e tradizionale, girando su due note intorno ad una ritmica ben presente ma che si muove nel panorama stereo, dove corrono "mandole" di chitarra in lontananza. Tutti gli episodi sono contenuti nel timing convenzionale di una canzone pop, dimostrando così di essere di impatto immediato ma mai facilmente scontato.
"Without you I'm napping" può essere scaricato liberamente dal loro sito ed aquistato in 150 copie numerate a mano, cosa che naturalmente ci sta molto simpatica. Il lavoro segue il precedente Talking.Silently e prelude un full-lenght, ed inoltre fa parte di un box set chiamato Fields Of Mars della Cydonia Records.


IMPATTO SONORO

I Japanese Gum si muovono con disinvoltura negli intricati sentieri post-elettronici già battuti con successo dai maestri genovesi Port Royal: un tripudio di melodie ovattate, incursioni destrutturanti e atmosfere dilatate, che faranno la felicità di chi ha orecchie già avvezze a questo tipo di sonorità.
Difficile poter esprimere un giudizio definitivo ascoltando le uniche tre tracce che compongono questo lavoro: è doveroso però segnalare che ci troviamo di fronte ad una realtà che ha tutte le carte in regola per dare alla luce qualcosa di molto interessante.
Chorine Blue parte pacifica e rassicurante per poi sfociare in un dilaniante muro di feed-back, Cannibalism Next Door disegna con introspezione paesaggi sonori soffusi e dilatati, infine Part-Time Assholes rende omaggio con maestria ai già celebrati precursori Port Royal.
I Japanese Gum dovranno ora dimostrare di sapersi ritagliare uno spazio tutto loro nella scena shoegaze italiana: da tenere d’occhio.


BLOWUP

Sempre da Genova, Davide Cedolin e Paolo Tortora si portano appresso il vaticinio di "Port-Royal ritmici": la deca-dance si chiama Chlorine Blue, sporca di polvere pirica oltre metà e di fuzz per un buon terzo; Cannibalism Next Door da leggibile volge nebulosa, Part-Time Assholes crepita di drones.


ROCKIT

I miei auricolari sono sfondati. Non tengono più i bassi. Se non un gracchio sordo e leggermente fastidioso. Ascoltare così il nuovo ep dei Japanese Gum è la prova finale, prima di buttarli, e comprarne un paio meno bianco e griffato, sperando in una migliore risposta in frequenza. Sperando durino. Intanto affronterò 14 minuti di bel rumore malinconico e sonnecchiante, penso. E invece, i suoni di gomma giappa non danno per niente fastidio alle mie cuffie scrause. Non è che nelle canzoni non ci siano i bassi eh, ma anche se gracchiano non è un problema. Qui gracchia tutto, e gracchia bene. Tutto assieme. Shoegaze portuale, suoni clorati, piscine piene di cannibali e "Part Time Assholes", elettronica da manuale, e tanta eleganza. Si. Eleganti e caotici (ma non cascateci, è un trucco), presentano tre pezzi pieni del loro stile oscuro ed etereo, ma potente nelle batterie, deciso nelle melodie, ironico nelle immagini. Elegante nel caos (appunto, non cascateci, è un trucco). Da scoprire subito. Da scivolarci dentro. Reale.


SOUNDMARKZINE

Arrivati al debutto su disco nel 2007 con Talking. Silently e.p. (Marsiglia Records), i Japanese Gum, duo genovese già con un discreto seguito e buone critiche alle spalle, si affaccia nuovamente al pubblico nell’ottobre del 2008 con un altro ep di soli tre brani.
Se il suo predecessore si muoveva su coordinate squisitamente elettroniche, Without You I’m Napping pone l’accento sulla chitarra elettrica, protagonista attiva nell’evolversi di pezzi variegati e ricchi di sfumature. Anche le trame ritmiche sorprendono per il ruolo di primo piano di cui vengono investite, e vivacizzano in maniera sensibile lo svolgersi di un pur breve ep, che nonostante una durata inferiore al quarto d’ora sa regalare spunti e sensazioni d’inaspettata freschezza. Chlorine Blue preme sull’acceleratore fino a sfociare in un trambusto chitarristico di genìa shoegaze, le successive Cannibalism Next Door e Part-Time Assholes presentano sprazzi cantati e suggestivi intrecci elettronici nei quali i Nostri si muovo più che a loro agio, dimostrando una padronanza invidiabile dei propri mezzi.
Promossi a pieni voti, lodevole anche l’iniziativa di rendere disponibile questo ep in download gratuito attraverso il sito ufficiale.


INDIE-EYE

Secondo EP per i genovesi Japanese Gum, dopo il buon successo di critica e in dimensione live del precedente “Talking Silently”, uscito nel 2007.
I 3 brani di “Without You I’m Napping”, rilasciato in free download sul sito della band in attesa della realizzazione fisica del cd, propongono suoni tra post-rock, shoegaze ed elettronica IDM, assimilabili a quelli proposti dai concittadini Port-Royal, con cui il duo ha diviso in passato il palco.
Si passa quindi da momenti eterei, come quelli dell’intro di “Chlorine Blue”, ad altri in cui il suono è ben più saturo, tra chitarre e droni, seguendo quanto codificato proprio dai Port-Royal in “Afraid To Dance”, specialmente nel terzo e conclusivo brano “Part-time Assholes”. Le sensazioni che emergono durante i 14 minuti dell’EP sono tutto sommato positive; sicuramente apprezzabili sono gli arrangiamenti, curati in ogni particolare, e la ricerca del giusto equilibrio tra pieni e vuoti, sapientemente alternati a dare saliscendi emozionali che riescono ad infrangere la fredda barriera di silicio che rimane sempre sullo sfondo, ricollegandosi così alla malinconica tradizione shoegaze. In questo senso il brano più riuscito è “Cannibalism Next Door”, anche grazie alla maggior originalità che si riscontra in esso, che supera di poco “Part-time Assholes”, ben eseguito, ma che avrebbe guadagnato punti con un finale più ricco.


MUSICAOLTRANZA

Poche tracce, pochi attimi, pochi minuti per capire che le cose sono cambiate, che il duo genoano, ha aggiustato il tiro, che abbandonate le derive glitch ha deciso di concentrarsi sulle astrazioni ambientalistiche, che pure apparivano in maniera più lieve nel loro precedente “Talking Silently”.

Qui si spingono oltre, cercando di raggiungere la giusta miscela di casse dritte chitarre leggiadre e languidi suoni di synth, momenti onirici che si trasformano in attimi al limite della psichedelica per divenire poi puro rumore elettronico, come accade nell’introduttiva Cholorine Blue.
Voci morbide su synth in puro stile Radiohead, introducono la seguente Cannibalism Next Door, brano dalle atmosfere avvolgenti, che porta sin dal primo ascolto, la mente verso quelle lande desolate fatte di verde e strapiombi sul mare, aprendo le porte alle pura immaginazione, non un attimo di pausa per pensare al domani, solo un unico lungo viaggio della durata di poco più di 4 minuti, che subisce le turbolenze di drum machine aggressive, per poi nuovamente calmarsi e riprendere il volo. La conclusiva Part-time Asshole è il brano più “suonato” dei tre, e quello dove la ricerca ambientalistica pur rimanendo presente, cede il passo a sonorità elettroniche più vicine al post rock di matrice anglosassone (Isan su tutti), brano chiuso con un crescendo di suoni ed emozioni che si fermano prima che tutto esploda.

Se state cercando qualcuno che possa portare una ventata di freschezza alla scena elettronica italiana, il duo che viene dalla Liguria potrebbe essere davvero il cavallo giusto su cui puntare. Altro che pisolino, qui c’è da stare ben svegli e attenti.

1/17/09

Webradios

здравствулте! камрады !
Tomm from umanuvem***** ** played Chlorine Blue during Not Until Morning /13 on Radio Città del Capo. You can download the instalment here.
If you want to listen our radio interview on Urlatori alla sbarra, get it herre.

Stay [de]tuned,

happy saturday night fever,

d.

1/13/09

News from the first days of the new year.


Ciao mates,

here we are with some brand news.

After the past year collaboration with the photo/video artist Francesco Arena for the video performance "Respiri/Breaths", we are beginning to compose the soundtrack for another video of another italian artist, Fabio Moro.

In the meantime, we are proud to announce that "Without You I'm Napping" will have a digital release and distro also in Japan by Friend of Mine Records.

And yeah, we announce our first 2009 gigs:


February

7, TBA, w/Magpie, Reggio Emilia
28,
C.S.O. Bruno, w/Dresda, Trento


April

17, Edera, Codroipo.


For now that's all folks,

stay [de]tuned,


d.